L’impresa innovativa e sostenibile del territorio si racconta al liceo scientifico Dante Alighieri di Matera

Si è tenuto nel pomeriggio del 9 maggio il terzo incontro del PCTO ‘ Ai in our school ‘, per la formazione di 50 ragazzi del Liceo Scientifico Dante Alighieri di Matera sulle tecnologie abilitanti dell’industria 4.0 grazie al racconto di esempi reali. L’incontro coordinato dalla Professoressa Annarita Pecora ha avuto inizio con il racconto in modalità interattiva a cura di Angelo Romano del Realverso Lucanum, metaverso della sostenibilità made in Basilicata, che preserva identità territoriali, tradizioni e valorizza la scoperta dei nostri borghi e delle imprese tramite avatar, digital twin e internet delle cose.

Come case study di innovazione sostenibile attuata in imprese del territorio c’è stata la presentazione di Icetrack, sistema ad alta innovazione per la tracciabilità e gestione della catena del freddo, ideata e attuata dalla De.ra.do Srl, nota azienda del territorio materano. Icetrack è il connubio concreto di internet of things, blockchain ed intelligenza artificiale. Il sistema Icetrack è stato fra le testimonianze a livello nazionale del premio Premio Innovazione 4.0 di A&T del 2024.

La presentazione tecnica è stata a cura di Antonello Carbone, responsabile della logistica di De.ra.do, a cui ha fatto seguito il racconto imprenditoriale di Massimo De Salvo, che ha presentato l’azienda, le sue evoluzioni, le sfide intraprese negli anni ed i risultati raggiunti. L’imprenditore ha risposto alle molte curiosità dei ragazzi sul mondo del lavoro, invitando a mettersi in gioco mettendo a valore il proprio talento per contribuire alla crescita del settore imprenditoriale del nostro territorio.

‘ Portare esempi di imprese che si distinguono per innovazione sostenibile nel nostro territorio e riscontrare interesse da parte dei nostri studenti è per noi il principale obiettivo dei percorsi PCTO‘ afferma soddisfatta la Prof.ssa Marialuisa Sabino, dirigente scolastico del Liceo Scientifico Dante Alighieri di Matera.

L’incontro è la ulteriore conferma dell’importanza del dialogo fra scuola e imprese del territorio nello spirito della didattica orientativa.

L’innovazione sostenibile va in scena al liceo scientifico Dante Alighieri di Matera

Si è tenuta nel pomeriggio del 21 febbraio presso il liceo scientifico Dante Alighieri di Matera durante il percorso PCTO ‘AI in Our School’ la presentazione di alcuni case study virtuosi di innovazione sostenibile ideati, brevettati e realizzati nel territorio materano.

Il PhD Angelo Romano del centro di ricerca privato iInformatica ha introdotto la tematica dello smart manufacturing sostenibile in chiave ecodesign e dell’internet of things, moderando alcune presentazioni di progetti realizzati nella città di Matera.

Il secondo case study è stato presentato dal giovane Berardino Iula e ha riguardato la Gretacar, stazione di monitoraggio ambientale collaborativo itinerante, premiata con il premio Asvis Giusta Transizione, brevettata dalla Ecosud e attualmente adottata dai comuni di Pisticci e Bernalda.

Il terzo case study ha riguardato il Tokbek, interfono smart dotato di design empatico ed intelligenza artificiale per monitorare la qualità di servizio di front-office di uffici. Il progetto è stato presentato dall’ideatore Angelo Cannarile, titolare della Sync Sas, studio di registrazione della città di Matera.

L’ultimo case study ha riguardato il Vargame, sistema di VAR (moviola) applicato al calcio balilla ideato e brevettato da Nicola Favale. Il sistema è emblema dell’integrazione di Internet of things, stampa 3D e intelligenza artificiale, per il rilancio della socialità post covid attraverso il biliardino Smart.

Il dirigente scolastico Prof. Marialuisa Sabino con soddisfazione ha affermato ‘Un’occasione per oltre 50 ragazzi del nostro Liceo Scientifico per vedere concretamente come le nuove tecnologie possono essere applicate per lo sviluppo di nuovi prodotti o servizi. Il pomeriggio è stato molto utile in chiave orientamento in quanto le discipline affrontate durante il percorso di studi del liceo sono funzionali per mettere in atto l’innovazione sostenibile’.

L’incontro conferma l’importanza dei percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento sviluppati dal Liceo Scientifico in sinergia con imprese del territorio che può rappresentare valida bussola per formare i futuri professionisti del territorio.

Link all’articolo: https://www.iinformatica.it/2024/02/24/linnovazione-sostenibile-va-in-scena-al-liceo-scientifico-dante-alighieri-di-matera/

Due aziende materane a Valencia per il progetto Erasmus+ Digital Inclusion Vet

Formare e riqualificare professionalmente over 45 sulle tecnologie abilitanti 4.0. Questo l’obiettivo del progetto Erasmus+ Digital Inclusion Vet, il cui primo TPM si è tenuto nei giorni 1 e 2 febbraio a Xirivella (Valencia) presso l’istituto IES Gonzalo Ayana, coordinatore del progetto. Una due giorni dedicata ad affrontare il problema del reinserimento nel mondo del lavoro di over 45, sfruttando la leva della riqualificazione specialistica su tecnologie e macchinari 4.0 e sullo sviluppo di soluzioni di training innovative che possano rendere tali tecnologie inclusive per i non nativi digitali. Fra i partner del progetto europeo anche due società materane, l’ente di formazione Studio Risorse ed il centro di ricerca privato iinformatica, noto per il progetto Realverso Lucanum. Vista l’importanza e l’attualità del progetto, i partner sono stati altresì accolti in comune del sindaco di Xirivella Paqui Bartual Bermell che ha manifestato interesse e disponibilità delle istituzioni locali sui temi e risultati del progetto europeo.

Nella cordata del progetto sono altresì presenti il partner spagnolo Innetica, il partner portoghese Afn Academia Formação Norte ed il partner greco Oecon Group.

Soddisfatta Maria Santarcangelo, project manager di Studio Risorse che afferma ‘ Siamo onorati della grande accoglienza ricevuta e del notevole interesse destato dal progetto nelle istituzioni spagnole. La cordata europea multidisciplinare consentirà di mettere a beneficio comune i risultati di un progetto che affronta una tematica critica e attuale in ogni paese dell’Unione Europea’.

Ulteriore conferma del prestigio e della qualità delle professionalità made in Basilicata.

Link all’articolo: https://www.iinformatica.it/2024/02/02/due-aziende-materane-a-valencia-per-il-progetto-erasmus-digital-inclusion-vet/

Intelligenza artificiale e sostenibilità: da Pisticci una nuova piattaforma digitale per raccontare il caffè nel mondo

In una realtà sempre più connessa occorre costantemente cercare modi innovativi per raggiungere nuovi mercati e valorizzare le realtà territoriali. Con questi obiettivi, Coffee Express, azienda attiva nella vendita e distribuzione di caffè con sede a Marconia di Pisticci, in provincia di Matera, e nota per aver ottenuto 2 brevetti di invenzione industriale nel settore delle macchinette di caffè e bar automatici raccontati in prestigiose riviste scientifiche, ha lanciato una piattaforma digitale all’avanguardia che promette di rivoluzionare la vendita e la promozione del caffè a livello internazionale.

Una piattaforma unica che non solo offre una vasta selezione di miscele di caffè prodotte in Italia, ma che porta anche l’esperienza del caffè a un livello completamente nuovo. Grazie a una combinazione di tecnologie all’avanguardia e un forte impegno per la sostenibilità, Coffee Express si propone di offrire non solo un ottimo caffè, ma anche una shopping experience coinvolgente e informativa.

Al centro di questa piattaforma digitale c’è la Virtual Coffee Machine, un’innovativa esperienza interattiva che consente agli utenti di esplorare le diverse caratteristiche organolettiche delle varie miscele di caffè. Ma Coffee Express non si ferma qui. La piattaforma mette in primo piano anche la sostenibilità. Sensibilizzando gli utenti sui vantaggi dell’economia circolare, l’azienda promuove attivamente la rigenerazione delle vecchie macchine per il caffè, offrendo loro una nuova vita attraverso la progettazione di una nuova scocca personalizzata, resa possibile grazie all’intelligenza artificiale.

Una delle caratteristiche più sorprendenti della piattaforma è proprio il modulo di Intelligenza Artificiale Generativa che consente di progettare design esclusivi e unici partendo da un semplice testo e visualizzandoli immediatamente in 3D e con il supporto della realtà aumentata. Questo strumento offre agli utenti la possibilità di dare vita alle proprie idee in modo rapido e intuitivo, consentendo loro di inviare richiesta per la realizzazione effettiva dei loro progetti personalizzati.

“Abbiamo ideato questa piattaforma – afferma Luca Magnante, amministratore di Coffee Express – pensandola come un hub digitale per portare nel mondo i valori che da sempre ci contraddistinguono: creatività, avanguardia, attenzione alla sostenibilità attraverso la rigenerazione. Ci auguriamo con questo progetto di raggiungere nuovi mercati contribuendo a proiettare un’immagine all’avanguardia della città di Pisticci”.

È possibile visitare la piattaforma all’indirizzo www.coffee1993.it

Un ambiente virtuale come e-commerce per raccontare la Basilicata, la Sicilia e la Sardegna nel mondo

Un tour virtuale nelle sedi di lavoro di Matera e di Catania della PMI innovativa iInformatica come ambiente e-commerce.

Un approccio innovativo, interattivo che consente la scoperta delle opere editoriali della iInformatica come Lucanum, Sicanium e Sardum nelle stanze e sulle postazioni dove vengono ideate e create.
Attraverso il proprio pc o il proprio smartphone gli oggetti del tour prendono vita, i monitor attivano video, gli oggetti cliccabili aprono popup con testi e contenuti e consentono in italiano/inglese/spagnolo di raccontare e valorizzare le opere editoriali territoriali.

Un nuovo modo di fare e-commerce vocato all’internazionalizzazione con la dimensione del punto vendita virtuale navigabile, creando una nuova shopping experience.

I luoghi di lavoro diventano quindi esposizione dei prodotti realizzati e consentono altresì di generare una cartolina virtuale per accedere al Realverso, metaverso della sostenibilità.

Il tutto è anche accompagnato da una versione di webapp ibrida quale e-commerce inclusivo attraverso il TTS multilingua che consente la scoperta dei contenuti ad ipovedenti.

Il progetto cofinanziato da SIMEST PNRR – FONDO 394/81 è anche emblema di ingegneria del software sostenibile.

Link per accedere:
https://tour.realverso.cloud

Link all’articolo: https://www.iinformatica.it/2024/01/19/un-ambiente-virtuale-come-e-commerce-per-raccontare-la-basilicata-la-sicilia-e-la-sardegna-nel-mondo/

L’eccellenza Lucana in scena al Liceo socio economico Tommaso Stigliani

Nella giornata di oggi, il Liceo Tommaso Stigliani ha organizzato un seminario dedicato alle aziende lucane che si sono distinte a livello nazionale in progetti di innovazione sostenibile.

I rappresentanti delle aziende hanno tenuto delle presentazioni agli studenti, illustrando i loro progetti di successo e i premi e riconoscimenti raccolti con il loro lavoro. Ad aprire la giornata è stata l’azienda Stella All in One, con il responsabile IT Adriano Paolicelli, che ha presentato il progetto Tekbin, un cassonetto intelligente basato su blockchain per la distruzione certificata dei documenti e vincitore del premio Campioni d’InnovAzioni 2022.

A seguire è stato il turno di Erreffe Progetti, con l’architetto Roberta Serpentino, che ha illustrato agli studenti il progetto Rosedrop, un innovativo ed economico sistema di individuazione delle acque sotterranee, che nel 2023 è stato premiato con il prestigioso premio Impresa Ambiente.

A portare la propria testimonianza davanti ai giovani del liceo Stigliani presente anche Costanza Tralli del Centro Rham Srl, che ha presentato la soluzione Introspecto, finalista al premio Campioni d’InnovAzioni 2022, che ha affermato: “Siamo felici di aver potuto raccontare Introspecto, che simboleggia il nostro impegno nel creare nuovi metodi e sistemi sostenibili di assistenza”.

Anche Vincenzo Dottorini, dell’azienda Ineltec, ha portato il suo contributo presentando InHelmet, il casco intelligente per la formazione e la manutenzione degli impianti elettrici che è stato premiato con il premio Impresa Sostenibile indetto da Il Sole 24 Ore. “Il Liceo Stigliani si fa portavoce di un futuro improntato all’innovazione e alla sostenibilità, e noi di Ineltec sposiamo appieno questa visione del futuro”.

A chiudere la giornata dedicata alle eccellenze Lucane è stato Alessandro D’Alcantara, concepteur della iInformatica, che ha presentato Robocom Inclusion, la soluzione multisensoriale per la rappresentazione percettiva di contenuti cartografici e opere d’arte, selezionata dal CNR e presentata alla Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico di Paestum.

Una giornata che testimonia la fondamentale importanza della collaborazione fra il sistema scolastico e quello imprenditoriale di eccellenza.

Link all’articolo: https://www.iinformatica.it/2023/11/24/leccellenza-lucana-in-scena-al-liceo-scientifico-tommaso-stigliani/

Ineltec partecipa ad Innovation Village Award e vince la prestigiosa Menzione Speciale Innovup riservata al progetto di innovazione sostenibile InHelmet

Oggi 17 novembre si sono tenute a Napoli le finali della V edizione del prestigioso premio Innovation Village Award, un importante evento istituito e sostenuto da Knowledge for Business, ASviS ed ENEA. Innovation Village è un’iniziativa che mira a favorire la creazione di un network fra aziende, istituzioni, incubatori, investitori e acceleratori, e nelle prime 4 edizioni ha raccolto oltre 600 progetti.

Durante l’evento di premiazione sono stati presentati i 24 progetti finalisti, 3 per ognuno degli ambiti tematici.

A ricevere la prestigiosa Menzione Innovup durante le finali della quinta edizione del rinomato premio Innovation Village Award è stato il progetto di innovazione sostenibile “InHelmet” della società materana Ineltec.

Innovup, un’associazione no-profit dedicata al potenziamento dell’ecosistema dell’imprenditorialità innovativa italiana, ha conferito la menzione speciale a Ineltec per il suo innovativo progetto InHelmet, un casco intelligente progettato per la formazione e la verifica delle attività di manutenzione degli impianti elettrici.

Dotato di sensori, il dispositivo ergonomico ed empatico aumenta la qualità e la sicurezza durante le operazioni di manutenzione, consentendo al contempo la certificazione delle competenze acquisite sul campo.

“Questa prestigiosa menzione, in un contesto di tale importanza, ci rende infinitamente orgogliosi” afferma Vincenzo Dottorini, amministratore di Ineltec “Ringrazio il team di iInformatica, centro di ricerca del nostro territorio che ci ha affiancato durante la realizzazione del progetto. Oggi abbiamo ricevuto un’ulteriore conferma della bontà del nostro lavoro”.

La giornata di premiazione ha rappresentato non solo un momento di grande importanza per Ineltec, ma anche una testimonianza tangibile dell’imprescindibile legame tra l’innovazione e la sicurezza nei contesti lavorativi.

Per ulteriori dettagli sul progetto InHelmet: https://www.ineltec.it/brevetto-inhelmet/

Innovazione, formazione e sicurezza. InHelmet vince il Premio “Impresa Sostenibile” de Il Sole 24 Ore.

Un casco intelligente ideato per la formazione e la verifica delle attività di manutenzione degli impianti elettrici. È InHelmet della materana Ineltec il vincitore del prestigioso riconoscimento “Impresa Sostenibile” dello storico quotidiano Il Sole 24 Ore. Un premio che celebra le imprese che – nonostante le sfide economiche e sociali degli ultimi anni – si sono distinte per la loro tenacia e resilienza investendo nell’innovazione, nella trasformazione digitale e nella sostenibilità.

E tra le aziende si è distinta Ineltec nella categoria sostenibilità digitale con il suo InHelmet, il dispositivo indossabile che offre comfort ed empatia e dotato di sensori avanzati, tra cui una termocamera e un endoscopio. Indossando il casco – ideato e brevettato dall’impresa materana – a migliorare è la qualità e la sicurezza delle attività di manutenzione. Gli operatori da remoto, grazie al casco, possono ad esempio comunicare in tempo reale con il personale sul campo. O chi è sul campo può ottenere informazioni dettagliate sulle fonti di calore, riducendo e prevenendo anche gli incidenti sul luogo di lavoro. InHelmet ottimizza il lavoro e, in più, certifica le competenze dei lavoratori.

Un mix di innovazione, formazione e sicurezza che rende unico InHelmet e il lavoro fatto dalla materana Ineltec. “Ricevere un premio di tale importanza ci riempie di orgoglio e ci spinge a rafforzare il nostro impegno e i nostri investimenti nell’innovazione sostenibile, fornendo costantemente soluzioni innovative nel settore dell’installazione e manutenzione degli impianti elettrici,” afferma Vincenzo Dottorini, amministratore dell’azienda, che ha anche aggiunto: “Desidero ringraziare il nostro partner scientifico, la società iInformatica, che ci ha supportato durante tutto il processo di sviluppo del progetto.”

Per ulteriori informazioni su Ineltec, il sito web ufficiale: https://www.ineltec.it/

E per scoprire di più su InHelmet: https://www.ineltec.it/brevetto-inhelmet/

Inhelmet il casco intelligente Made in Basilicata presentato all’Università di Salerno

Dal 11 al 13 Settembre all’Università di Salerno è in corso la prestigiosa conferenza internazionale Cladag organizzata dalla SIS (società italiana di statistica) ogni due anni dal lontano 1997.

Notevole il numero di partecipanti e di lavori di ricerca presentati che affrontano problemi di classificazione e analisi dati, argomento centrale nell’ambito dell’intelligenza artificiale e dei big data.

La società materana Ineltec ha presentato il lavoro di ricerca relativo ad Inhelmet, casco intelligente per la formazione e verifica delle attività di manutenzione di impianti elettrici, implementazione della nuova tecnica del brevetto concesso e case study di sostenibilità sociale.

Il casco indossabile, empatico ed ergonomico, tramite i suoi sensori aumenta qualità e sicurezza nelle attività di manutenzione e consente di certificare le competenze in campo.

Vincenzo Dottorini, amministratore di Ineltec ha affermato ‘Siamo orgogliosi del riscontro scientifico avuto in questa prestigiosa conferenza dal nostro progetto condotto insieme al giovane team di iinformatica, centro di ricerca del nostro territorio. Tutto questo conferma l’importanza di proseguire nell’investimento in nuovi servizi e prodotti per differenziarci e contribuire a fornire soluzioni innovative e sostenibili nel nostro ambito di azione’.

Il lavoro di ricerca, presentato dal dottore di ricerca materano Angelo Romano e consultabile gratuitamente nei Book of paper della conferenza, conferma il livello di alta qualità dell’innovazione frutto di sinergie di imprese del mezzogiorno.

Link all’articolo: https://www.iinformatica.it/2023/09/12/inhelmet-il-casco-intelligente-made-in-basilicata-presentato-alluniversita-di-salerno/

Link al Book of paper: https://www.statlab-unisa.it/cladag2023/book-of-abstracts/

Link al video di Inhelmet: https://youtu.be/lfkpLhYs_vY

All’Università di Bologna presentati i Business Statools made in Basilicata

Questa mattina, presso il dipartimento di Scienze Statistiche dell’Università di Bologna, durante la conferenza internazionale ASA 2023 “Statistics, Technology and Data Science for Economic and Social Development”, che vede fra gli organizzatori anche ISTAT, ASSIRM e SIS, si è tenuta la presentazione dei “Business Statools – Il gioco di carte della statistica”, opera editoriale innovativa realizzata da iinformatica, centro di ricerca privato della Basilicata (noto per l’opera Lucanum), con il contributo di alcuni soci dell’Associazione per la Statistica Applicata.

L’opera, nata come declinazione del progetto Lucanum Elements, si compone di carte da gioco (metodi e obiettivi) e di una tavola che mette in correlazione gli obiettivi ricorrenti nelle aziende produttive e i corrispondenti metodi statistici utilizzabili per il loro raggiungimento.

Luigi Fabbris, già professore ordinario di Statistica sociale dal 1992, presidente ASA, coautore dell’opera e promotore del progetto afferma che “Attraverso l’approccio innovativo della gamificazione  dei  Business Statools vogliamo sia diffondere l’interesse per l’applicazione della statistica nel mondo delle imprese, sia creare nei giocatori e negli spettatori il senso dell’adattabilità della metodica statistica ai più diversi problemi concreti che si affrontano comunemente nel mondo della produzione”.

L’opera ha visto fra gli autori anche Francesca Bassi, Eugenio Brentari, Maurizio Carpita, Alessandro Celegato, Saverio Gianluca Crisafulli, Angelo Romano, Antonio Ruoto e Vito Santarcangelo.

Un approccio originale e attuale vocato a nuove forme di didattica innovativa, che intende diffondere la cultura statistica oltre i confini accademici.

Per ulteriori informazioni sulla conferenza ASA: https://eventi.unibo.it/asa2023/program

Link all’articolo: https://www.iinformatica.it/2023/09/08/alluniversita-di-bologna-presentati-i-business-statools-made-in-basilicata/